Siete quiRifiuti - S.I.R.V.

Rifiuti - S.I.R.V.


Rifiuti, arriva 'Sirv': paghi quanto produci

immagine bidone rifiuti

È nato Sirv, il Sistema Integrato per la Rivelazione degli Svuotamenti, un nuovo metodo che permette di pagare l'effettiva produzione di rifiuti dei cittadini.

Non più bollette che tengono conto della metratura dell'edificio di residenza o di lavoro o del numero dei componenti della famiglia

 

 

, ma una bolletta “giusta –perchè finalmente mette in pratica il principio di equità di cui tanto si parla da anni, corretta perchè paghi quello che realmente produci. Versatile, perchè permette una gestione ottimale e veloce dei disservizi. Innovativa, perchè è un vero e proprio salto nel futuro grazie a tecnologie di ultima generazione”.
Il sistema utilizza dei dispositivi elettronici che permettono di contabilizzare lo svuotamento del bidone, conteggiando immediatamente la fattura. Gli operatori, quindi, raccoglieranno i rifiuti solo dopo aver verificato il dispositivo. “Questi dispositivi, che sono simili ad una tessera elettronica di pagamento, completano le procedure di attivazione dei contratti già sottoscritti dall'utenza e vengono consegnati sulla base delle scelte contrattuali effettuate – continua Borile – L'utilizzo è semplice e non comporta particolari attenzioni da parte dell'utente. Basta applicare le tessere ai bidoni utilizzati per la raccolta delle frazioni a pagamento (secco non riciclabile, umido organico e verde) e il gioco è fatto”.
Attraverso un'identificazione a radiofrequenza, RFID, si possono identificare automaticamente oggetti, animali e persone memorizzati nei dispositivi elettronici detti tag che forniscono informazioni in esse contenute, quando vengono “interrogati”. L’RFID è ormai utilizzato da anni su larga scala, basti pensare all’apertura delle serratura delle stanze degli alberghi, i passaporti, le tessere elettroniche, i titoli di viaggio, il telepass e i servizi esterni negli interporti. L’operatore addetto allo svuotamento dei bidoni tramite un ricevitore passivo, potrà leggere automaticamente tramite questi tag posizionati sul bidone dell’utente, entro una determinata distanza, tipicamente di 1,5 metri, che viene predeterminata nel ricevitore stesso in fase di taratura. La lettura del tag da parte del ricevitore produce un suono ad alta intensità che annuncia all’operatore impegnato nella raccolta dei rifiuti il via libera per le operazioni di carico.
I Comuni che hanno messo in pratica questa diversa gestione di raccolta dei rifiuti sono Agna, Arre, Arzergrande, Bagnoli di Sopra, Battaglia Terme, Brugine, Candiana, Carceri, Casale di Scodosia, Codevigo, Conselve, Correzzola, Granze, Megliadino S.Vitale, Montagnana, Piove di Sacco, Polverara, Ponso, S.Angelo di Piove di Sacco, Solesino, Stanghella e Terrassa Padovana. In totale quindi sono 115.778 gli abitanti coinvolti di cui 43.506 le utenze domestiche e 5.617 le utenze non domestiche.